Caricamento Eventi

FAKE FOLK

Cranpi

Prima regionale

Oggi più che mai, quello che manca non è guardare, ma guardarsi, abitare uno spazio reale e relazionarsi con persone fisiche. Ecco perché una festa invece di uno spettacolo.
Fake folk è un progetto di riconquista critico-carnevalesca della piazza e del folklore attraverso le nuove tecnologie. Una finta festa tradizionale, ovvero una performance itinerante fatta di teatro, cabaret, musica, danza, video, e al contempo un gioco di ruolo che coinvolge i partecipanti nella reinvenzione dei propri usi e costumi: una riflessione su come oggi convivono le identità locali con un immaginario reso sempre più omologato dalla globalizzazione.
È un’installazione video-teatral-musicale contesa fra scena e spazio, immersione e attrazione, in bilico tra processione del santo patrono, sagra e fiera popolare; un format capace di contenere di tutto perché in una festa che si rispetti è d'obbligo mettere troppa carne al fuoco. Fra musiche bandistiche destrutturate e discorsi parodistici di assessori al turismo insostenibile, processioni che sfilano immobili mentre lo sfondo è proiettato in realtà aumentata, concerti, karaoke e danze in mezzo a giochi pirotecnici virtuali, i partecipanti si interrogano, sperimentandoli in prima persona, sui propri modi di abitare lo spazio pubblico e socializzare. Quale distanza separa una community virtuale da una comunità locale? Come si evita il vuoto di socialità reale di fronte al presenzialismo social? E nell’epoca del distanziamento, cosa può una comunità? Sforzandosi di ricreare “l’autenticità” della festa con tecniche palesemente finte, Fake folk coinvolge il pubblico in una gioiosa decostruzione della tradizione. Si gioca a creare un finto rituale folklorico, non per negarlo o prendersene gioco, quanto per reinventare la possibilità di una festa contemporanea, senza dubbio diversa e irriverente, ma comunque vissuta e partecipata, nella convinzione che, come da tradizione carnevalesca, solo uccidendo il vecchio si può fare spazio al nuovo.

Evento speciale di chiusura della stagione Over The Rainbow 21.22

ideazione e drammaturgia Andrea Cosentino
collaborazione alla drammaturgia Alessandra De Luca
con Andrea Cosentino, Alessandra De Luca, Lorenzo Lemme, Nexus, Dario Aggioli
suono e musica dal vivo Lorenzo Lemme
design realtà aumentata e movimenti scenici Nexus
montaggio video e coordinamento tecnico Dario Aggioli
scene Antonio Belardi
costumi Anna Coluccia
parrucca Eugenio Prezioso/Okiya
produzione Cranpi
in collaborazione con ALDES e Teatro Biblioteca Quarticciolo
con il sostegno di Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Periferie Artistiche Centro di Residenza Multidisciplinare della Regione Lazio
partecipazione  del coro femminile Bread & Roses di Spazio BAC

 

Prima e dopo lo spettacolo corner bar a cura di Safarà

San Pietro in Vincoli

31 maggio ore 21:00

Biglietti e Prenotazioni

Fertili Terreni Teatro dà ai suoi spettatori la possibilità di decidere quanto pagare il proprio il biglietto, scegliendo fra tre opzioni: €8 / €10 / €15

Mail: biglietteria@fertiliterreniteatro.com
Telefono e Whatsapp 331 3910441 (orario lun-ven ore 15-18)

VISITE GUIDATE A SAN PIETRO IN VINCOLI ZONA TEATRO

Sapevi che San Pietro in Vincoli Zona Teatro è un ex cimitero settecentesco?

Dalle ore 20 alle ore 20.45, visita guidata al complesso dell’ex cimitero di San Pietro in Vincoli a cura di La Civetta di Torino.

€ 2 (+ biglietto dello spettacolo secondo le tariffe vigenti) – prenotazione obbligatoria

max 25 partecipanti – le visite si svolgeranno con un minimo di 10 partecipanti