Caricamento Eventi

UN GIORNO DI FUOCO

A.M.A. Factory

Durata: 60 minuti

Alla fine di giugno Pietro Gallesio diede la parola alla doppietta. Ammazzò suo fratello in cucina, freddò sull’aia il nipote accorso allo sparo, la cognata era sulla lista ma gli apparì dietro una grata con la bambina ultima sulle braccia e allora lui non le sparò ma si scaraventò giù alla canonica di Gorzegno. Il parroco stava appunto tornando da visitare un moribondo di là di Bormida e Gallesio lo fulminò per strada, con una palla nella tempia”.
Così inizia Un Giorno di Fuoco allestito in teatro per il Centenario della nascita di Fenoglio. Principale brano dei “Racconti del Parentado”, potrebbe apparire come il titolo di un film di Sergio Leone e la sensazione non è del tutto sbagliata, un “western all’italiana” ambientato in terra di Langa, nato dalla lingua di Fenoglio dove gli uomini parlano in modo brusco, stringato e le loro storie di gente qualsiasi sono dominate da parole e gesti forti e ineluttabili.
La vicenda è la cronaca di un fatto di sangue realmente accaduto nel’33. Fatti che succedono anche oggi, riempiono le colonne della cronaca nera per alcune settimane poi scompaiono, e in quelle settimane la cronaca tende a suscitare scalpore, paura, stupore, quasi mai a comprendere. Quella di Fenoglio è invece un esempio di cronaca umanissima che ci fa capire e “vedere”. Una follia omicida che Fenoglio gradatamente trasforma attraverso i colori dell’epica popolare e restituisce come dramma collettivo di una comunità.
Il linguaggio di Fenoglio simile ad un distillato, fa sì che Un giorno di fuoco sia sceneggiatura, sia testo teatrale, e, come qualcuno ha detto, un “cantare” storico, un “cantare epico”. Perfetto per una narrazione teatrale, dove, in questo caso, la regia e l’interpretazione lavorano al racconto, reso integralmente, come ad un grande spartito, scendendo nella vocalità delle parole e ampliando la partitura sonora delle situazioni, dove personaggi, motori dell’azione, si concretizzano in contrappunto con le musiche.

 

“Copyright eredi Beppe Fenoglio, per gentile concessione. Tutte le opere di Beppe Fenoglio sono pubblicate in Italia da Giulio Einaudi Editore”

di Beppe Fenoglio
regia Gabriele Vacis
con Beppe Rosso
scene e luci Lucio Diana
sound designer Massimiliano Bressan
tecnici compagnia Adriano Antonucci e Marco Ferrero
produzione A.M.A. Factory
in coproduzione con Produzioni Fuorivia e Centro Studi Beppe Fenoglio

Durante le serate c’è il punto ristoro di Safarà, aperto a partire da un’ora prima degli spettacoli!

San Pietro in Vincoli

2 marzo ore 21:00 3 Marzo ore 21:004 Marzo ore 21:005 Marzo ore 19:00

Biglietti e Prenotazioni

Biglietto intero
€ 11,00 +  1,10 Euro di commissioni di servizio

Biglietto ridotto
€ 9,00 + 1 Euro commissioni di servizio

Compra il biglietto online
https://www.ticket.it/teatro/evento/un-giorno-di-fuoco.aspx

Per info, modalità d’acquisto e abbonamenti:
mail. biglietteria@fertiliterreniteatro.com |
cell. 334 8655865 (lun-ven; 15-18)

 

Sapevi che San Pietro in Vincoli Zona Teatro è un ex cimitero settecentesco? Prima della recita del 2 marzo, dalle 20 alle 20.45, tour guidato alla scoperta di questo luogo suggestivo tra storie e misteri, a cura de La Civetta di Torino.

Costo € 2, da pagare direttamente in cassa la sera stessa di spettacolo, previa prenotazione a biglietteria@fertiliterreniteatro.com o al numero 3348655865 (lun-ven ore 15-18)